Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Idrosfera Qualità dei corpi idrici FIUMI: Concentrazione di metalli - agg. 31/12/2016
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
FIUMI: Concentrazione di metalli - agg. 31/12/2016 Ci sono evidenze di metalli nei corsi d’acqua? S  

DESCRIZIONE
L’indice considera 5 metalli (Arsenico, Cadmio, Cromo, Nichel e Piombo) previsti dal D.Lgs 172/15 Tab. 1/A e 1/B che sostituisce il D.M.260/10 utilizzato per la classificazione fino al 2015. Le principali modifiche introdotte dal D.Lgs.172/15 riguardano l’abbassamento degli standard di Nichel e Piombo che si riferiscono alle concentrazioni biodisponibili.
Per quanto riguarda il Mercurio, a partire dal 2012 il monitoraggio ordinario è stato affiancato da un monitoraggio di indagine ad elevata risoluzione che interessa un numero ridotto di stazioni e campioni.
La procedura di calcolo prevede inizialmente la determinazione della concentrazione media relativa di ciascun metallo per ciascun bacino idrografico, ottenuta come rapporto tra la concentrazione media e lo standard di qualità espresso come media annua (SQA-MA) previsto dal D.Lgs 172/15 tabelle 1/A e 1/B.

formula per fiumi altri composti.jpg

Infine viene calcolata la media delle concentrazioni medie relative dei singoli metalli.

OBIETTIVO

Per la valutazione dello stato attuale dell’indicatore si confronta la concentrazione media dei metalli con i rispettivi standard di qualità ambientale, allo scopo di fornire una valutazione complessiva del rischio connesso alla loro presenza nei corsi d’acqua. Se la concentrazione media relativa risulta inferiore al valore uno, significa che, mediamente, le concentrazioni rilevate dei cinque metalli nel bacino non superano i rispettivi valori di legge.

VALUTAZIONE

Concentrazione di metalli (As, Cd, Cr, Ni, Pb) per bacino idrografico, anno 2016

fium_metalli_2016.jpg

clicca sul grafico per scaricare il file dati

faccina verde Per quanto riguarda i metalli, nel 2016, non sono state rilevate criticità ambientali tranne che per il Cromo nel bacino idrografico Fratta-Gorzone che presenta una concentrazione media per bacino pari a di 10 µg/l, circa 1,5 volte lo Standard di Qualità Ambientale (Tab. 1/B SQA-MA = 7 µg/l) e per Nichel e Piombo nel bacino Fissero Tartaro Canal Bianco dove l’indice risente dell’abbassamento degli standard di qualità e del calcolo sulla frazione biodisponibile come richiesto dal D.Lgs.172/15.

Concentrazione media relativa di metalli (As, Cd, Cr, Ni, Pb), anni 2009 - 2016

fiumi_metalli_2009_2016.jpg

clicca sul grafico per scaricare il file dati

Non è stato possibile valutare il trend dell’anno 2016 rispetto al periodo precedente in quanto sono cambiati gli standard normativi di riferimento.


Nel 2016 il monitoraggio di indagine ad elevata risoluzione del Mercurio, non ha evidenziato criticità nelle acque superficiali.

Approfondimenti sulla procedura per la costruzione dell'indicatore

Concentrazione di metalli - anni 2009-2016

Nel file è riportata per anno, la concentrazione media relativa di metalli per ciascun bacino idrografico nel periodo 2009-2016.

 

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2017 è previsto per  giugno 2018.

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 30/6/2017
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati banca dati SIRAV
Scopo
Unità di misura numero
Metodo di elaborazione Calcolo la concentrazione media di ciascun metallo (Arsenico, Cadmio, Cromo, Nichel e Piombo) in ciascun bacino idrografico del Veneto con almeno 2 misure.
Calcolo la concentrazione media relativa di ciascun metallo in ogni bacino idrografico (rapporto tra la concentrazione media e il rispettivo standard di qualità ambientale previsto dal D.M. 260/2010 fino al 2015 e poi D.Lgs. 172/15).
Calcolo la media delle concentrazioni medie relative di tutti metalli per ciascun bacino idrografico.
Riferimento normativo D.M. 260/2010 fino al 2015 e poi D.Lgs. 172/15 (allegato 1 tabelle 1/A e 1/B)
Valore di riferimento Inferiore a uno
Periodicità di rilevamento dei dati mensile, trimestrale o bimestrale
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2009 - al 31/12/2016
Unità elementare di rilevazione stazione di rilevamento
Livello minimo geografico corpo idrico
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento