Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Indicatori Ambientali Idrosfera Qualità dei corpi idrici Presenza di Ostreopsis cf. ovata
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Presenza di Ostreopsis cf. ovata Le acque costiere sono idonee alla balneazione? S

DESCRIZIONE

Ostreopsis cf. ovata è una microalga bentonica (epilitica e/o epifitica) potenzialmente tossica di origine tropicale che cresce in zone costiere con ridotto scambio idrico in condizioni di temperature elevate e luce abbondante.
Condizioni ambientali ottimali e temperature generalmente >25°C ne favoriscono lo sviluppo aumentandone la concentrazione e potendo dare origine alle cosiddette fioriture che nelle fasi avanzate possono dare luogo a presenza di patine brunastre mucillaginose sui substrati di crescita, schiume in colonna e in superficie dovuti al distacco di aggregati cellulari.
Questa specie in Mediterraneo può produrre delle tossine (ovatossine) che presentano un rischio sanitario sia a causa di esposizione ad aereosol marino tossico che attraverso il consumo di prodotti ittici che hanno accumulato le tossina causando nell'uomo una sindrome di natura simil-influenzale.
Il D.Lgs. 116/2008 e il D.M. 30 marzo 2010, così come modificato dal successivo D.M. 19 aprile 2018, rispettivamente all’art. 12 e all’art. 3, hanno istituzionalizzato il monitoraggio dei fenomeni di proliferazione delle macroalghe e/o fitoplancton marino, affermando che qualora il profilo delle acque di balneazione indichi un potenziale di proliferazione di macroalghe e/o fitoplancton marino debbano essere svolti dei monitoraggi adeguati per consentire l’individuazione dei rischi per la salute.
Il D.M. 30 marzo 2010, nel suo allegato C, definisce le linee guida e i protocolli operativi per i controlli e il D.M. 19 aprile 2018 ha aggiornato le linee guida da utilizzare indicando quale riferimento il rapporto Istisan n. 14/19 per Osteropsis cf ovata.
Sulla base di ciò ogni anno, nella regione del Veneto, seppure il profilo sulle acque di balneazione in mare Adriatico non evidenzi un rischio di proliferazione, viene comunque predisposto un piano di monitoraggio mirato per il controllo di Osteropsis cf ovata.
Il piano prevede il controllo su 4 stazioni lungo la costa veneta, prediligendo le zone del litorale con caratteristiche ambientali il più possibile favorevoli allo sviluppo della microalga Ostreopsis cf ovata (idrodinamismo scarso, moto ondoso ridotto, etc), cercando nel contempo di rappresentare l’estensione del litorale veneto, con campionamenti sia di matrice acqua che macroalga/substrato duro con frequenza mensile da luglio ad ottobre.

Codice stazioneComune - Località di prelievoLat (WGS 84)Long (WGS 84)
10245 Jesolo - 1° pennello da Torre Marzotto in direzione Cortellazzo 12.585185 45.478470
10405 Cavallino Treporti - Punta Sabbioni, Diga bocca di porto di Venezia, lato spiaggia 12.434817 45.424100
10645 Chioggia Isola Verde 12.323867 45.175433
10725 Rosolina - Albarella, Diga Po di Levante 12.361227 45.076332

Stazioni di campionamento mare Adriatico

OBIETTIVO
Nella verifica della conformità si fa riferimento ai limiti previsti dalla linea guida rapporto Istisan n. 14/19 che indica quale valore al di sopra del quale viene emesso divieto di balneazione la concentrazione di Ostreopsis cf ovata >30.000 cell/l.

VALUTAZIONE
faccina verde Nell'anno 2018, il monitoraggio è stato effettuato mensilmente nei mesi di luglio (10 e 17 luglio 2018), agosto (23 e 30 agosto 2018), settembre (11 e 12 settembre 2018) e ottobre (9 e 10 ottobre 2018) su tutte e quattro le stazioni per un totale di 16 campionamenti nel rispetto dei protocolli di campionamento e analisi indicati dalla normativa.
Nessuna significativa fioritura algale è stata rilevata durante la stagione balneare 2018 nelle acque di balneazione del Veneto e in tutte la stazioni indagate non è mai stata rilevata la presenza di Osteropsis cf ovata sia nella matrice macroalga/substrato duro che in acqua.
In base ai risultati del monitoraggio 2018 nessun superamento dei limiti previsti dalla normativa.

10245 - Jesolo -
pennello diga foce Sile

 

10405 - Cavallino Treporti -
Punta Sabbioni,
Diga bocca di porto di Venezia, lato spiaggia

 

10645 - Chioggia
– Isola Verde

10725 - Rosolina -
Albarella,
diga Po di Levante

10/07/2018 assenza assenza
17/07/2018 assenza assenza
23/08/2018 assenza assenza
30/08/2018 assenza assenza
11/09/2018 assenza assenza
12/09/2018 assenza assenza
09/10/2018 assenza assenza
10/10/2018 assenza assenza

osteropsis_2018.JPG

Presenza di Ostreopsis cf. ovata nelle stazioni di monitoraggio della regione del Veneto stagione 2018

 

box verde Dal raffronto dei risultati del monitoraggio negli ultimi 9 anni si evidenzia una situazione stabile di assenza di rilievi dei Ostreopsis cf. ovata.

 

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2019 è previsto per gennaio 2020.

licenza licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 5/2/2019
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV – Servizio Centro Veneto Acque Marine e Lagunari
Sorgente digitale dei dati SIRAV e altro
Scopo Valutare la presenza di microalghe potenzialmente tossiche al fine di tutelare la salute umana individuando misure di gestione appropriate per impedire l’esposizione dei bagnanti all’inquinamento
Unità di misura presenza/assenza (cell/l e - cell/cm²- cell/g fw)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.Lgs. 116/2008, D.M. 30 marzo 2010 e D.M. 19 aprile 2018
Valore di riferimento Osteropsisi cf ovata <30.000 cell/l
Periodicità di rilevamento dei dati mensile da luglio a ottobre
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2018 - al 31/12/2018
Unità elementare di rilevazione stazione di campionamento
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica Regione
Aspetti da migliorare
Link utili http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/acqua/file-e-allegati/documenti/acque-marino-costiere/rapporti-balneazione
http://www.arpa.veneto.it/arpavinforma/pubblicazioni/monitoraggio-microalghe-potenzialmente-tossiche-nelle-aree-marino-costiere-del-veneto
http://www.isprambiente.gov.it/files2018/pubblicazioni/stato-ambiente/ambiente-urbano/4_Acque.pdf pag. 331
http://www.isprambiente.gov.it/files2018/pubblicazioni/stato-ambiente/ambiente-urbano/4_Acque.pdf
http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/stato-dellambiente/xiv-rapporto-qualita-dell2019ambiente-urbano-edizione-2018
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento