Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Indicatori Ambientali Idrosfera Qualità dei corpi idrici Qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi Le acque destinate ai molluschi rispondono ai requisiti di conformità? S

DESCRIZIONE

Un indicatore della qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi è dato dalla conformità delle acque dei corpi idrici designati dalla Regione ed utilizzate per tale uso. Dal 2002 ARPAV provvede a monitorare le acque costiere (marine e lagunari) del Veneto destinate alla vita dei molluschi, al fine di verificarne la conformità o meno così come richiesto alle Regioni dal D. Lgs. n. 152/2006 (parte terza, allegato 2, sezione C). Nel 2018 tale attività si è attuata su 75 punti di controllo per la matrice acqua di cui 23 anche per la matrice biota, opportunamente distribuiti negli 8 corpi idrici interessati (mare Adriatico, laguna di Caorle/Bibione, laguna di Venezia, laguna di Caleri/Marinetta, laguna la Vallona, laguna di Barbamarco, sacca del Canarin e sacca degli Scardovari).

OBIETTIVO

Raggiungimento della conformità delle acque costiere e salmastre sedi di banchi e popolazioni naturali di molluschi bivalvi e gasteropodi.

VALUTAZIONE

Considerando il periodo 2002-2018 si evidenzia quanto segue:

Numero dei corpi idrici conformi (e non) alla vita dei molluschi nel Veneto, anni 2002 – 2018

vita_molluschi_2002_2018.JPG

clicca sul grafico per scaricare il file dati

faccina gialla Nel 2018 sono tre le aree risultate non conformi: la laguna di Caleri e Marinetta, la laguna di Barbamarco e la Sacca del Canarin; tutti gli altri corpi idrici hanno raggiunto la conformità. Il fattore che ha portato alla non conformità delle acque è rappresentato esclusivamente dal superamento dei valori di legge del parametro Coliformi fecali (CF) misurato sui molluschi (≤300 ufc/100 ml) nelle percentuali di campioni previste.

box giallo Valutando i dati disaggregati per anno si osserva che le condizioni meno favorevoli si sono avute nel 2002 (tutti i corpi idrici non conformi ad eccezione del mare Adriatico) mentre quelle più favorevoli si sono verificate negli anni 2011, 2013, 2014, 2016 e 2017 con 7 corpi idrici conformi.
Da rilevare che la non conformità delle acque in tutti i casi è stata determinata esclusivamente dal superamento dei valori di legge del parametro Coliformi fecali nei molluschi (≤300 ufc/100 ml). In conclusione, il periodo 2011-2017 ha presentato un andamento stabile, ma l’ampia variabilità del parametro sopra indicato (CF) si è manifestata nuovamente nel 2018 con un aumento delle non conformità.

 

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2019 è previsto per maggio-giugno 2020.


licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 29/5/2019
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura giudizio di conformità
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.Lgs. n.152/2006
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati variabile a seconda dei parametri da indagare (mensile, trimestrale e semestrale)
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2002 - al 31/12/2018
Unità elementare di rilevazione stazione di campionamento
Livello minimo geografico corpo idrico
Copertura geografica Province di Venezia e di Rovigo
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento