Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAV Pagine generiche Commissario delegato emergenza PFAS

Commissario delegato emergenza PFAS

Ordinanza 519/2018 del Capo del Dipartimento della Protezione Civile

La Delibera del Consiglio dei Ministri del 21.03.2018 ha dichiarato lo stato di emergenza per la contaminazione da sostanze perfluoro-alchiliche (PFAS) delle falde idriche nei territori delle province di Vicenza, Verona e Padova.
Con ordinanza n. 519/2018, il Dipartimento della Protezione Civile ha nominato Nicola Dell’Acqua commissario delegato.
Tale ordinanza prevede, per il commissario, la possibilità di avvalersi, a titolo gratuito, di personale appartenente agli enti citati nel documento, tra cui l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Veneto, e la predisposizione di un piano degli interventi da sottoporre all’approvazione del Dipartimento della Protezione Civile.
Per l’attuazione del piano sono stati stanziati 56.800.000 euro, per il cui trasferimento è stata aperta la contabilità speciale n. 6096.
Il commissario delegato, con decreto n. 1 del 01.06.2018, ha nominato i seguenti soggetti attuatori, ciascuno per il settore specificatamente indicato:

soggetto attuatoresettore di competenza
Veneto Acque SpA realizzazione delle tratte di adduzione A7-A10, A9-A7 ed opere complementari, comprese eventuali opere di accumulo
ViAcqua SpA

ricerca di nuove fonti di approvvigionamento e conseguente realizzazione di opere di attingimento ed eventuali opere di accumulo
da connettere alla esistente condotta della valle dell’Agno per alimentare la dorsale nord-sud fino alla realizzanda tratta A7-A10

Acque Veronesi SCaRL ricerca di nuove fonti di approvvigionamento nell’est veronese e conseguente realizzazione di opere di attingimento e delle tratte di
adduzione C6-C1, C1-A9 ed opere complementari, comprese eventuali opere di accumulo
Acquevenete SpA realizzazione delle opere di adduzione, tratte B1-B2, B4-B6 e B6-A16, destinate a collegare, a partire da Ponso, la rete di
Montagnana/Pojana Maggiore con la dorsale proveniente dai pozzi di Camazzole

 

Il 12 dicembre 2018, con nota prot. n. post/0071896, il Dipartimento della Protezione Civile, con il parere favorevole del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha approvato il piano degli interventi.

Il commissario delegato, con nota n. 89 del 19.12.2018, ha convocato la conferenza dei servizi per la realizzazione della condotta di collegamento DN1000 tra la Centrale di Lonigo e Belfiore.

Atti assunti dal commissario delegato

datadocumentooggetto
01.06.2018 decreto n. 1 nomina dei soggetti attuatori di cui all'art.1, comma 2, dell'Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile
n. 519 del 28.05.2018
23.01.2019 decreto n.2 Tratta A9-C1-C6: condotta di collegamento DN1000 tra la centrale di Lonigo belfiore" Lotto 1b, Lotto 2 e Lotto 3:
approvazione progetto di fattibilità tecnico economica e progetto definitivo
Azioni sul documento

ultima modifica 29/01/2019 13:31