Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2022 FIUME LIVENZA. I MACROINVERTEBRATI NEL 2020 TORNANO IN EQUILIBRIO

FIUME LIVENZA. I MACROINVERTEBRATI NEL 2020 TORNANO IN EQUILIBRIO

11/04/2022

Per il Livenza le rilevazioni ARPAV 2020 evidenziano un riequilibrio della comunità di macroinvertebrati verso il valore “buono”. L’elemento, che ha una certa variabilità, ha influenzato negativamente lo stato ecologico basato su dati 2017, facendo classificare la qualità dell’acqua del fiume da “buona” a “scarsa”.

Il Livenza è ben presidiato dai controlli Arpav, questo anche in considerazione del fatto che durante il periodo estivo entra in funzione un'opera di presa che deriva le sue acque per destinarle ad uso acquedottistico.
Per quanto riguarda il parametro PFOS, è entrato nel percorso di valutazione della qualità del corso d'acqua solo a partire dal 2020 con un valore molto basso che si misura in miliardesimi di grammo per litro, che corrisponde al livello che si registra anche in alcuni campioni dei ghiacci dell'Antardide, dove ovviamente non esistono stabilimenti industriali che lo producono. Si tratta di un composto in uso ormai da molti anni, che si ritrova pressoché ubiquitariamente nell'ambiente.

Per quanto riguarda i fitofarmaci e l'escherichia coli, che fotografano il primo l'attività agricola intensiva e la gestione del diserbo nelle aree urbane e il secondo la presenza di scarichi non completamente depurati, la collocazione dei campioni con i valori più elevati vicino al confine regionale evidenzia che l'assetto depurativo della parte veneta del bacino idrografico della Livenza ha prestazioni migliori.

Sul glifosate in particolare, si rileva come ARPAV applichi un valore standard cautelativo pari a 0.1 microgrammi/litro stabilito in attesa di studi specifici: altri Paesi hanno già fissato tali standard, ad esempio la Svizzera 11,0 microgrammi/litro e la Gran Bretagna 196 microgrammi/litro. I valori riscontrati vanno da 0,03 a 0,5 microgrammi/litro.

L'elemento che ha influenzato negativamente lo stato ecologico, passato da "buono" a "scarso" è stata appunto la qualità dei macroinvertebrati registrata nel 2017 che le rilevazioni del 2020 riportano di nuovo verso il valore "buono".

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 11/04/2022 16:58