Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Indicatori Ambientali Clima e rischi naturali Clima HWF - Giorni di ondata di calore
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
HWF - Giorni di ondata di calore Si sono registrate variazioni nel numero di giorni di ondata di calore? S

DESCRIZIONE

Per ondata di calore si intende un periodo di tempo durante il quale la temperatura, in maniera persistente, si mantiene più elevata rispetto alle temperature usualmente rilevate in una determinata area in un periodo definito.
Lo studio delle ondate di calore, e di come i cambiamenti climatici influiscano nel far in modo che esse si verifichino con maggior frequenza, è importante in quanto le temperature alte e persistenti per lunghi periodi rappresentano un rischio per la salute umana e gli ecosistemi.
Per uniformare a livello globale il concetto di ondata di calore, così da confrontare tra loro risultati ottenuti nei diversi paesi, si può fare ricorso a studi statistici e a soglie termiche non prestabilite a priori ma associate al superamento di determinati percentili (solitamente il 90° o il 95° percentile) o ai valori di temperatura media rilevati in un trentennio. Questa metodologia di calcolo ha la caratteristica di evidenziare ondate di calore non solo durante la stagione estiva ma durante tutto l’anno.
Per il presente indicatore si definisce ondata di calore un periodo di tempo di almeno 3 giorni consecutivi con temperatura massima giornaliera maggiore del 90esimo percentile (che a sua volta viene valutato sui 28 anni compresi tra il 1993 e il 2020, con una finestra mobile centrata su 31 giorni).
L’indice HWF (heatwave day frequency) è la somma, per le diverse cadenze temporali esaminate (anno o singola stagione), del numero di giorni che rientrano nella definizione di ondata di calore.
Come già accennato il valore storico di riferimento è determinato statisticamente a partire dalle temperature massime giornaliere registrate dalle stazioni della rete meteorologica gestita da ARPAV dal 1993.
Per ciascuna stazione disponibile i dati di temperatura massima giornaliera, espressa in gradi centigradi (°C), sono calcolati a partire da dati rilevati automaticamente ogni 15 minuti.

VALUTAZIONE DELL’INDICATORE

Per la valutazione dell’indicatore si è dapprima calcolato, per ogni anno dal 1993 e per ogni stazione della rete ARPAV, il numero di giorni che rientrano nella definizione di ondata di calore. Tali valori sono stati poi spazializzati e dalle mappe così ottenute si sono poi ricavati i valori medi del periodo 1993-2020 e le loro differenze con il 2021, sia per la cadenza temporale annuale sia per le singole stagioni.
Sono considerati negativamente gli scarti positivi e positivamente gli scarti negativi.
Si sono considerate le cadenze temporali annuali e quelle stagionali.

HWF: NUMERO DI GIORNI CHE RIENTRANO NELLA DEFINIZIONE
DI ONDATA DI CALORE NEL 2021
DIFFERENZA RISPETTO ALLA
MEDIA 1993 - 2020
ico_ondata_calore_2021.png ico_ondate_calore_2021_confrontoemdia_1993_2021.png

clicca sulle immagini per visualizzare meglio le mappe

Ico_ondate_calore_2021_per_stagione.png

 

faccina gialla Nel corso del 2021 i giorni di ondata di calore in Veneto sono stati inferiori al valore storico del periodo 1993-2020 mediamente di circa 4 giorni. Tuttavia considerando il trend del numero di giorni di ondata di calore a partire dal 1993 si nota che esso è in aumento, seppur non in maniera statisticamente significativa, con un incremento medio di circa 3 giorni ogni 10 anni.
Considerando le singole stagioni del 2021 solo l’inverno è stato caratterizzato da un numero di giornate di ondata di calore superiore alla media, mentre nelle altre stagioni tale valore si è mantenuto inferiore, in particolare in autunno e in maniera ancora più marcata in estate.

ico_giornate_calore_1993-2021.png

clicca sul grafico per scaricare il file dati

box giallo Dall'analisi delle spazializzazioni relative agli scarti del numero di giornate di ondata di calore rispetto alla norma si deduce un 2021 caratterizzato, nel complesso, da una minor incidenza di giorni di ondata di calore, in particolare durante l’estate, benché l’analisi del trend di tale indice indichi un aumento a partire dal 1993 ad oggi.

 

 

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2022 è previsto aprile 2023.

 

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 10/7/2022
Fonte dei dati stazioni automatiche della rete meteorologica gestita da ARPAV dal 1993
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati
Scopo Lo studio delle ondate di calore, e di come i cambiamenti climatici influiscano nel far in modo che esse si verifichino con maggior frequenza, è importante in quanto le temperature alte e persistenti per lunghi periodi rappresentano un rischio per la salute umana e gli ecosistemi.
Unità di misura numero di giorni
Metodo di elaborazione L’indice HWF (heatwave day frequency) è la somma, per le diverse cadenze temporali esaminate (anno o singola stagione), del numero di giorni che rientrano nella definizione di ondata di calore
Riferimento normativo
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati giornaliera
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/2/1993 - al 31/12/2021
Unità elementare di rilevazione temperature massime giornaliere
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica regionale
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento