Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Aria Qualità dell'aria Le centraline mobili

Le centraline mobili

In giro per il Veneto a monitorare cosa respiriamo

ARPAV effettua il controllo della qualità dell’aria nel territorio regionale attraverso la rete di centraline fisse integrata dalle rilevazioni effettuate da mezzi mobili che vengono spostati periodicamente per realizzare campagne di monitoraggio della qualità dell’aria in aree del territorio non completamente coperte dalle centraline fisse.

Queste campagne hanno l’obiettivo di soddisfare le richieste di controllo della qualità dell’aria proposte dagli Enti Locali, monitorare le aree in cui sono in corso lavori per la costruzione di Grandi Opere, realizzare specifici progetti di ricerca o indagini mirate ad evidenziare locali situazioni di inquinamento.

Le campagne realizzate dalle centraline mobili durano mediamente 8 - 10 settimane. Per garantire una rappresentatività in termini di condizioni meteo-climatiche, le campagne vengono suddivise in due periodi: uno in primavera-estate, l’altro in autunno-inverno.

A conclusione di ogni campagna di monitoraggio i tecnici ARPAV predispongono una relazione che descrive i dati rilevati e le conclusioni sulla situazione della qualità dell'aria nella zona oggetto di monitoraggio. Non appena disponibili, le relazioni vengono pubblicate sul portale ARPAV nella sezione dedicata del Dipartimento Provinciale di competenza.

 

Le campagne in corso e le ultime relazioni tecniche disponibili on line

 

 

Azioni sul documento

ultima modifica 22/03/2022 17:15

Campagne centraline mobili

I Comunicati stampa

Stazioni qualità dell'aria

Mappa delle stazioni attive in Veneto

APP qualità Aria

APP Aria

ArpavPM10bot-Telegram

ico_bot_telegram.jpg

#VENETARIA Miglioriamo insieme l'aria

#Venetaria ico

Smog sopra i limiti comportamenti

comportamenti

A proposito di … Uso della legna come combustibile

A proposito di … Uso della legna come combustibile copertina

Sono amico dell'aria pulita...

banner_PM10_KIDS.jpg