Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Suolo Conoscenza dei suoli Carte applicative Tessitura e scheletro

Tessitura e scheletro

2_7_vaschette_campioni.jpg

La frazione minerale del suolo è formata da particelle di diverse dimensioni. I frammenti più grossolani, detti scheletro, sono costituiti da elementi  con diametro superiore ai 2 mm, mentre le frazioni più piccole rappresentano la cosiddetta terra fine. Un’elevata presenza di scheletro nel suolo porta a forte aerazione e ad elevata permeabilità, aspetti che in agricoltura si traducono in esigenze consistenti di intervento irriguo e di concimazioni; lo scheletro, inoltre, rappresenta un ostacolo alle lavorazioni e favorisce l’usura degli attrezzi meccanici.

Nell'insieme della terra fine la proporzione relativa tra le dimensioni delle particelle minerali definisce la tessitura del suolo.

Le particelle minerali con diametro inferiore ai 2 mm sono cosi classificate:

ParticellaDiametro
argilla < 0,002 mm
limo 0,002 - 0,050 mm
sabbia > 0,050 mm

 

Le combinazioni di particelle di sabbia, limo e argilla vengono raggruppate in 12 classi rappresentate di seguito nel triangolo delle tessiture (classi USDA) e danno luogo a suoli molto diversi, come evidente dalle due immagini di un suolo sabbioso e ghiaioso (a sinistra) ed di uno ad alto tenore di argilla (a destra) con le fessurazioni tipiche della stagione secca.

 

Carta della tessitura e dello scheletro dei suoli del Veneto

Azioni sul documento

ultima modifica 10/02/2022 08:50