Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Indicatori Ambientali Rifiuti Produzione di rifiuti Produzione di rifiuti speciali
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Produzione di rifiuti speciali La produzione di rifiuti speciali è variata negli anni? P

Produzione di rifiuti speciali (rifiuti speciali pericolosi RSP, rifiuti speciali non pericolosi RSNP e rifiuti da Costruzione e Demolizione non pericolosi C&D NP)

DESCRIZIONE

La produzione dei rifiuti speciali pericolosi RSP, rifiuti speciali non pericolosi RSNP e rifiuti da Costruzione e Demolizione non pericolosi C&D NP evidenzia un trend in aumento condizionato dalla produzione di C&D NP. Questi ultimi dal 2008 mostrano un andamento decrescente con una ripresa nell’ultimo biennio. Si nota un incremento per i rifiuti P e leggero decremento per i NP.
La fonte del dato di produzione dei rifiuti speciali è il MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale), che risulta esaustivo per i RP, in considerazione dell’obbligatorietà della dichiarazione per tutti i soggetti produttori.
Il MUD non risulta esaustivo, invece, per i RSNP, infatti solo alcune categorie di produttori con più di 10 dipendenti sono obbligati a presentarlo. Inoltre, per i rifiuti da C&D NP non vige l’obbligo di dichiarazione per i rifiuti prodotti. In proposito si precisa che il quantitativo totale prodotto di rifiuti da C&D è stimato pari al quantitativo totale di rifiuti gestiti.

OBIETTIVO

Per la produzione non è possibile definire un valore obiettivo e pertanto risulta necessario confrontare i dati con quelli degli anni precedenti rapportandoli al trend economico. Un aumento di produzione viene valutato sempre in modo negativo; mentre nel caso di un decremento della produzione la valutazione è positiva quando è associata ad un aumento del PIL (ossia con PIL in crescita e produzione in calo). Nel caso di una diminuita produzione a fronte di una contrazione del PIL, l’indicatore non può essere connotato da una valutazione positiva.

VALUTAZIONE

faccina gialla Nel Veneto la produzione dei rifiuti speciali nel 2017 è stata di circa 14,4 milioni di tonnellate così suddivise:

  • 979,000 t di rifiuti pericolosi (RP)
  • 7,7 milioni di t di rifiuti non pericolosi, esclusi i rifiuti da C&D
  • 5,7 milioni di t circa di rifiuti da Costruzione e Demolizione non pericolosi (C&D NP)

box giallo Per quanto riguarda il dato di produzione del 2017, si riscontra rispetto al 2016 un aumento rispettivamente del 9% circa dei rifiuti da C&D NP e di 1% nella produzione di RSNP, mentre rimane invariata la produzione di RSP (+0.1%) a fronte di un aumento del PIL regionale del 2,8 % rispetto al 2016.

Trend produzione regionale di RSNP; RSP e C&D* in tonnellate - Anni 2005 - 2017
* valore stimato

trend_RS_2005_2017.JPG

Clicca sull'immagine per scaricare i dati dal 2002 al 2017

Confrontando l’incidenza della produzione dei rifiuti speciali pericolosi suddivisi per capitoli CER, rispetto all'anno precedente si evidenzia:

  • L’aumento dei rifiuti appartenenti al capitolo 19 (+.22.000 t circa);
  • La diminuzione dei rifiuti appartenenti al capitolo 07 (-19.000 t circa);
  • L’aumento dei rifiuti appartenenti al capitolo CER 17 (+8.500 t).

Produzione regionale di rifiuti speciali pericolosi dei capitoli più significativi (incidenza del 96% rispetto al totale)– Confronto Anni 2013-2017

trend_Pericolosi_2013_2017.JPG

Clicca sull'immagine per scaricare i dati dal 2008 al 2017

Confrontando l’incidenza della produzione dei rifiuti speciali non pericolosi suddivisi per capitoli CER (esclusi C&D), rispetto all’anno precedente si evidenzia:

  • Invarianza dei rifiuti appartenenti al capitolo 19”(-0.4%) Rifiuti prodotti da impianti di trattamento dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell’acqua e dalla sua preparazione all’uso industriale (-13.000 t)
  • Aumento del 5% dei rifiuti appartenenti al capitolo 10 “- 10- Rif. provenienti da processi termici”(+63.000 t)
  • Diminuzione del 17% dei rifiuti appartenenti al capitolo 01 “Rifiuti dalla lavorazione della pietra e dei minerali” (-120.000 t circa)

Trend della produzione regionale di rifiuti speciali non pericolosi capitoli più significativi (sopra il 3% rispetto al totale (esclusi i rifiuti da C&D) – Confronto Anni 2013-2017

trend_non_pericolosi_2013_2017.JPG

Clicca sull'immagine per scaricare i dati dal 2008 al 2017

Confrontando l’incidenza della produzione stimata dei rifiuti speciali da C&D NP tra diversi sottocapitoli,si evidenzia che:

  • il 28 % è costituito dalla classe CER 1701 “Cemento mattoni mattonelle ceramiche
  • il 26 % è costituito dalla classe CER 1709 “Rifiuti misti da costruzione e demolizione”
  • il 17 % è costituito dalla classe CER 1705 “Terre e rocce e fanghi di dragaggio”
  • il 14 % è costituito dalla classe CER 1703 “Miscele bituminose e prodotti contenenti catrame”
  • il 13 % è costituito dalla classe CER 1704 “Metalli e loro leghe””

 

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2018 è previsto per settembre 2020.

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 30/8/2019
Fonte dei dati MUD
Fonte dell'indicatore ARPAV – Osservatorio Regionale Rifiuti
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura tonnellate/anno
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.Lgs 152/06 – D. Lgs. 205/2010
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati annuale
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2002 - al 31/12/2017
Unità elementare di rilevazione unità locale
Livello minimo geografico Provinciale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili Rapporto Rifiuti Speciali edizione 2018: http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti/file-e-allegati/rapporti-annuali-rifiuti-speciali/Rapporto%20RS%20edizione%202018.pdf
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento